Recensione Carry On Rainbow Rowell


Carry On è la fanfiction, scritta da Rainbow Rowell, della fanfiction di una serie parallela ad Harry Potter. Ha senso come frase?Vedrò di spiegarvi meglio. La Rowell ha scritto Fangirl. In questo libro, una ragazza ossessionata con una saga di libri famosissima scrive fanfiction su due personaggi appartenenti a questa saga. Ora, la storia in questione è molto molto simile ad HP, ma essendo Fangirl ambientato in una specie di mondo parallelo al nostro, ciò non aveva importanza.
Carry On è l’interpretazione personale della Rowell di una storia che aveva inventato inizialmente solo per Fangirl. Ma, come ha scritto anche lei a fine libro, ce ne siamo innamorati tutti così tanto, che ha deciso di ritornare nel mondo di Simon Snow e raccontare la sua storia completa. E come non amare anche lei per questo?

Carry On è un grandissimo tributo al mondo delle fanfiction, ma anche uno splendido libro young adult. Non è Eleanor & Park, non è Fangirl, non è HP, ma è una storia bella, scritta bene, che si lascia leggere. È la classica storia d’amore della Rowell, ma con così tanti elementi fantasy che le relazioni tra i personaggi passano quasi in secondo piano. Quasi, perché anche mentre i protagonisti stavano combattendo draghi e creature maligne varie tutto ciò che riuscivo a pensare era che finalmente stava cambiando qualcosa tra di loro (si, la rowell è così brava). 

L’originalità non è quindi l’elemento forte del libro, ma ci tengo a specificare che non si tratta di un’imitazione di HP, Hex Hall o qualsiasi altro libro incentrato su scuole di magia. I personaggi sono diversissimi, e gli eventi anche, e se iniziate Carry On pensando che Simon sia Harry Potter e Penelope sia Hermione, finirete per non godervi la lettura. Accettate la storia per quella che è, e vi garantisco che lo amerete.

Saltando i dettagli sulla trama (che in questo caso non hanno molta importanza), vi parlo direttamente della storia in generale e dei personaggi. 
Nel libro si vanno a intersecare due filoni principali: la storyline relativa al mondo della magia e al pericolo che coinvolge tutti i Magi infatti non prende mai il sopravvento su quello che è il percorso di evoluzione dei personaggi principali. Abbiamo innanzitutto Simon, l’eroe più buono dolce e imbranato del mondo, deciso a salvare il mondo anche se significa distruggere se stesso. E poi c’è Baz, lo storico nemico che si trasforma poi in ben altro, Penelope, la miglior amica coraggiosa e intelligente e Agatha, maga desiderosa di vivere una vita “normale”. 

Ho apprezzato molto il fatto che l’autrice abbia preso la storia semplicemente per quello che era, senza tentare di differenziarsi in modo forzato e senza copiare in modo identico aspetti ed elementi di altri libri. 
La Rowell invece ha utilizzato le nostre esperienze con questo tipo di libri come una sorta di background per la storia. Di conseguenza è riuscita a far confluire tutte le parti migliori in un unico libro, senza dover descrivere i 7 anni precedenti della vita di Simon. 

La prima parte del libro è un po’ lenta, soprattutto perché la Rowell doveva introdurre la storia, l’ambientazione, il mondo magico e le sue regole, e qui le somiglianze con HP e saghe simili era semplicemente inevitabile. Appena Baz fa la sua prima comparsa, la storia inizia a coinvolgerti completamente. 
E a proposito di Baz, il rapporto che si instaura tra lui e Simon è semplicemente adorabile, e la cosa che ho amato di più è che viene descritto in modo così realistico, nonostante tutta la parte fantasy. I primi momenti in cui si rivalutano l’un l’altro e iniziano a vedersi per ciò che sono veramente restano alcune delle mie scene preferite del libro. 

Anche se Carry On nasce da un'idea contenuta in Fangirl, il libro è completamente indipendente da quest'ultimo ed è anche autoconclusivo, quindi lo consiglio sia a chi ha letto e amato la storia di Cath, sia a chi non ha mai letto nulla della Rowell. 


Difficoltà di lettura in lingua: medio-bassa

13 commenti:

  1. L'ho comprato appena uscito il formato paperback e voglio assolutamente leggerlo a dicembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima lettura per questo periodo Alexis!Sono sicura ti piacerà *__*

      Elimina
  2. Io ce l'ho (è enorme come stazza) ma devo ancora iniziarlo... anche perché prima devo leggere altri libri in lingua (tipo ACOTAR della Maas)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto in ebook ma ti assicuro che è così appassionante che si legge in due giorni o poco più xD Stupendo ACOTAR *__*

      Elimina
  3. Awww *_* mi ispira troppo! Vorrei tanto che Fangirl venga portato in Italia, in modo poi da poter leggere anche questo! Bella recensione Juliette ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio ^^ Spero davvero che li portino entrambi, meritano tantissimo *__*

      Elimina
  4. Bellissima recensione, sempre molto curata! <3 Spero proprio di trovare questo libro sotto l'albero di Natale! ;D

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora di leggerlo... è stato il concetto di questo libro che mi ha fatto decidere di prendere Fangirl e di dargli una possibilità.. e prima infatti voglio leggere questo v.v devo solo aspettare metà dicembre, momento in cui mi sarò liberata di alcune letture "obbligate" diciamo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si ti conviene leggere prima Fangirl, anche se la fanfiction scritta lì è completamente diversa da Carry On xD

      Elimina
  6. Da quando è uscito l'ho tenuto d'occhio e mi piacerebbe leggerlo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace il genere è assolutamente da leggere *__*

      Elimina
  7. Ammetto che ero un po' spaventata da questo libro perchè ha le potenzialità per essere bellissimo ma anche quelle per essere un disastro, soprattutto visto che è impossibile non crearsi aspettative dopo aver letto Fangirl. Ma la tua recensione mi ha rassicurata :)

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)